IT
Lavora con noi

PILLOLE DI PEDODONZIA

Serenissima Ristorazione si occupa di ristorazione scolastica, con uno staff di dietisti esperti. Nei menù dedicati ai bimbi ci sono molte accortezze: occorre dare il giusto fabbisogno di calorie, ma occorre fare attenzione anche all’equilibrio e all’educazione. Una mancanza di attenzione può portare infatti ad avere problematiche, tra cui le carie dei denti. Conoscere come prevenire i problemi dentali aiuta ad educare i bambini verso un’alimentazione corretta e verso la salute del cavo orale.

I denti e l’alimentazione: l’intervista

C’è un dottore speciale che si occupa della prevenzione e della cura delle patologie del cavo orale dei bambini e si chiama pedodonzista. Fin dai primi mesi di vita è infatti importante prevenire le lesioni causate dalle carie e individuare le patologie precoci della masticazione, ma soprattutto è essenziale instaurare con il piccolo paziente un rapporto di fiducia basato su un percorso emozionale e comportamentale. 

Alessandro Da Soghe, pedodonzista, nell’intervista racconta l’importanza dell’educazione dell’igiene orale nell’infanzia e la relazione tra alimentazione e denti dei bambini. 

Quali sono le buone abitudini da instillare nei bambini per avere denti sani?

“Fin dall’eruzione del primo dente da latte è importante pulire i denti con una garza imbevuta d’acqua. Poi quando il bambino cresce, attraverso il gioco, occorre aiutarlo a prendersi cura dei propri denti. Importante inoltre è la corretta educazione alimentare”.

Perché è importante l’alimentazione per la salute dentale?

“L’alimentazione per i denti e la salute complessiva del cavo orale è di importanza vitale. Non basta lavarsi bene i denti dopo i pasti principali, è fondamentale assumere una dieta varia dove i nutrienti sono bene equilibrati. La dieta dei bambini non deve mai essere sbilanciata verso l’assunzione di carboidrati”.

Quando occorre fare la prima visita e perché?

“La regola è “primo dente – prima visita”, ma la difficoltà nel visitare bimbi molto piccoli e la necessità di costruire un rapporto con loro ci fa propendere nel suggerire di programmare la prima visita tra i due anni e mezzo e i tre anni. Il motivo principale è la relazione: un bimbo che non ha dolore ai denti è più semplice da approcciare e la possibilità di parlare di prevenzione con lui e con i genitori è fondamentale per una crescita in salute della bocca e del suo corpo. Alcuni suggerimenti per la prima visita sono: prendere l’appuntamento il mattino presto, quando il bambino è più riposato e di conseguenza collaborativo; far indossare al figlio  il vestito che gli piace di più e lo rende felice; associare la visita ad un evento piacevole e non usare parole come: dolore, paura, agitazione, ansia; non far capire al bambino che si ha paura del dentista; e non enfatizzare troppo l’evento della visita, parlandone solo pochi giorni prima, spiegando che il dottore dei denti è una figura amica”.

Quali sono le patologie maggiori che ha riscontrato nei bambini e quali sono i motivi?

“Le patologie più frequenti che si riscontrano nel cavo orale dei bambini sono la carie e le stomatiti. L’alimentazione del  bimbo è spesso sbilanciata verso i carboidrati, sia per il suo bisogno di energia immediata, sia per il sapore piacevole e la facilità di masticazione. Senza contare che caramelle e biscotti sono alimenti che di frequente vengono offerti al bambino proprio dagli adulti. Questi comportamenti e scelte aumentano le probabilità di formazione della carie. La causa delle stomatiti invece è dovuta all’abitudine di mettere le dita e giocattoli in bocca, con la conseguente introduzione di batteri e virus. Riscontro infine malocclusioni, dovute sia alla predisposizione genetica sia all’utilizzo di dito e ciuccio/biberon (abitudini viziate) per troppo tempo”.

Perché i bambini possono avere paura del dentista?

“Il dentista è una persona sconosciuta ed è naturale vi sia diffidenza nel bambino, senza contare che spesso gli studi medici/dentistici non sono attrezzati per l’accoglienza del piccolo paziente, ad esempio vi sono sedie alte, colori asettici e nessun gioco. I bimbi sono inoltre spesso influenzati dall’ansia o dal dal nervosismo del genitore, che senza rendersene conto può aver parlato in sua presenza di esperienze negative dal dentista. La paura può essere infine dovuta ad un’esperienza negativa, traumatica e subita in maniera involontaria, magari per un intervento ospedaliero d’urgenza”. 

Come si costruisce un rapporto tra dentista e bambino?

“Il bimbo è diverso dal paziente adulto sia sul piano fisico/strutturale che sul piano psicologico: va approcciato in modo diverso con un sistema chiamato “comportamentale” con cui si costruisce un rapporto speciale con lui, coinvolgendolo fino a farlo ambientare. La spiegazione e la dimostrazione dello strumentario del dentista attraverso immagini, colori e giochi farà in modo che il bimbo possa avvicinarsi al mondo odontoiatrico senza timore. Anche l’ambiente è importante: per poter creare la giusta sintonia con il piccolo paziente, soprattutto nella prima infanzia, è importante creare intorno a lui un ambiente privo di possibili inneschi d’ansia e che lo faccia sentire a proprio agio”.

 

Articoli correlati

Serenissima Ristorazione: 5 pillole di Psicologia per aiutare i bambini a vivere serenamente questo periodo

Anche questa settimana il consueto appuntamento con le pillole di Psicologia di Serenissima Ristorazione, grazie ai consigli della Psicologa Dott.ssa Annunziata Lettiero su...

Le pillole della Dietista di Serenissima Ristorazione: impastare la pizza con i bimbi

In questi giorni si cerca di valorizzare tutte le attività che si svolgono in casa e una modalità per tenersi...